Altri articoli disponibili su futuracoopsociale.it
News & eventi
Condividi Stampa

Giovy@Work: «Internet è la mia quotidianità»

Articolo di Francesca Benvenuto in Lavoro e prodotti - 2 Febbraio 2021

«Ho avvisato i miei colleghi che avrei lavorato da casa e mi sono organizzata come se fossi in ufficio»: mi chiamo Giovanna De Caro, web editor di Futura Onlus (San Vito al Tagliamento, Pn) e questa è la rubrica in cui racconto come internet ha cambiato la mia vita.
Se vuoi parlare con me scrivimi a editoria@futuracoopsociale.it

Ormai da oltre un anno vivo a CjasaLuna, a Casarsa della Delizia (Pn), una comunità che ospita persone con disabilità e che ha anche degli alloggi indipendenti. Uno di questi è casa mia. E da un po’ di mesi, si è trasformata anche nel mio ufficio. Sì, perchè la grande rivoluzione compiuta dal web e dalla tecnologia passa anche per lo smartworking. Se non ci fosse sarei rimasta mesi senza lavoro e, quindi, privata di tutte le possibilità di interazioni e stimoli reali.

Avete mai provato a stare senza fare nulla?  Probabilmente sì, durante i mesi di lockdown causati dalla pandemia. Allora immaginate che questo possa accadere in qualsiasi momento
– Giovanna De Caro, redattrice web

Avete mai provato a stare senza fare nulla?  Probabilmente sì, durante i mesi di lockdown causati dalla pandemia. Allora immaginate che questo possa accadere in qualsiasi momento: se manca il trasporto, se gli educatori o gli assistenti non ci sono,  se nessuno ti accompagna, se il telecomando è troppo distante e tu non riesci a prenderlo. È vero che con il tempo ci si organizza, ma è anche vero che se non hai gli strumenti non ci sono alternative.

Nelle ultime settimane, proprio perché vivo e lavoro in due realtà protette ho dovuto fare dei tamponi rapidi: uno in ufficio per Futura e uno per Cjasaluna. Quest’ultimo era programmato per la mattina: che faccio? – mi sono chiesta – resto a casa e non faccio nulla tutto il giorno per un test che mi porta via al massimo 15 minuti? Non se ne parlava neppure: ho avvisato i miei colleghi che avrei lavorato da casa e mi sono organizzata a casa come se fossi in ufficio. Con mail e Whatsapp tutto è filato liscio.

Questo episodio mi ha fatto riflettere: per me l’uso di internet è sinonimo di quotidianità.

Mi riferisco sia ai cambiamenti che da un anno a questa parte hanno modificato lo scandire delle giornate di tante persone, ma anche alle infinite possibilità di sviluppare autonomie che ho avuto la possibilità di sperimentare. Nonostante tutto, infatti, io con internet continuo ad essere operativa e posso alternare il lavoro in presenza durante la mattina e lo smart working nel pomeriggio in una modalità ormai consolidata ed efficace.

Un mondo accessibile è possibile e il web e la tecnologia sono le chiavi per liberarlo: allora perchè non facciamo inclusione digitale?
– Giovanna De Caro, redattrice web

Questo mi rende proprio orgogliosa di me stessa: ho imparato a portare avanti il mio amatissimo lavoro e in qualche modo sono riuscita a rinforzare la mia autostima e la fiducia con le mie colleghe e colleghi. E le opportunità non si limitano a questo: per esempio io non ho la mobilità per sfogliare un semplice quotidiano o un libro, ma con internet riesco a leggere il giornale in autonomia. Il diritto al sapere e alla cultura deve essere per tutti.

O ancora: a me piace moltissimo viaggiare, non con la fantasia, fisicamente con tutto il corpo! Sul web riesco a organizzarmi un viaggio in completa autonomia: scelgo la località con tanto di itinerario virtuale su Google Maps, cerco ciò che mi interessa e prenoto treno e alberghi cercando le alternative accessibili. E ogni tanto mi metto anche a fare le parole crociate on-line.

Un mondo accessibile è possibile e il web e la tecnologia sono le chiavi per liberarlo: allora perchè non facciamo inclusione digitale?

Leggi le altre puntate delle rubrica Giovy@Work:
«Con Whatsapp sono più vicina agli altri di quello che avrei mai potuto sperare»
«Il web aspetta solo la mia passione»

 


Vuoi dare una mano?
Futura è un luogo di solidarietà al servizio della nostra comunità. Tutti possono aiutare e dare una mano alle persone più fragili. Per fare qualcosa puoi fare shopping sul nostro sito dei regali solidali oppure fare una donazione a favore dei percorsi di inclusione sociale. Se sei un’azienda, puoi anche scegliere di affidare un lavoro alla nostra Fabbrica Solidale. Dona ora: con il tuo contributo nessuno sarà più escluso!

Ti è piaciuto l’articolo? Condividi

Videostorie: Fabio Del Pin racconta perchè ha ..

Scopri di più

“Sulle mie gambe” è il nuovo ..

Scopri di più

Turismo sociale: si riparte dalle montagne di ..

Scopri di più

Gli pterosauri di Preone: i nuovi libri di ..

Scopri di più
Seguici sui social
POR FESR 2014 2020
ATTIVITÀ 1.2a 1 – DECRETO DI CONCESSIONE N.2064/PROTUR DEL 18/06/2018
PROGETTO: GENETICAMENTE DIVERSO: PROCESSO DI INNOVAZIONE SOCIALE SOSTENIBILE
FINALITÀ: implementazione e sperimentazione di modelli di servizi e lavoro inclusivo in risposta all’emergere dei bisogni del territorio. RISULTATI: migliorare gli attuali servizi offerti; ampliare i mercati di riferimento con un’offerta resa più competitiva da una riduzione dei costi di gestione e di produzione e dall’efficentamento del servizio offerto.
SPESA AMMESSA: € 184.543,22
CONTRIBUTO CONCESSO:€ 73.817,29