Percorsi post-trauma

Il tuo sostegno è fondamentale: scopri come aiutarci a realizzare i nostri progetti.
DONA ORA

Persone con nuovi bisogni

Il miglior antidoto al dolore è il lavoro. Sherlock Holmes ne “Il ritorno di Sherlock Holmes” di Sir Arthur Conan Doyle

Per “trauma” intendiamo un evento che ha avuto un impatto distruttivo sulla vita di una persona. Può essere stato un incidente stradale, un ictus, un tumore, un infarto. Il bisogno di quella persona è quello di rimettere in moto la propria vita, un pezzetto alla volta, sapendo che non sarà più quella di prima. Talvolta non è proprio facile.

Anche la famiglia ha la necessità di ricostruirsi: una nuova organizzazione, nuovi ritmi, nuovi impegni, orizzonti da modificare.

Tutti quanti insieme si affronta una vita nuova, che piano piano diventa una nuova normalità comunque ricca di opportunità, di esperienze, di persone con cui condividere il proprio percorso.

Il lavoro come motore della riabilitazione post-trauma

Il lavoro rappresenta uno degli elementi fondamentali della vita della persona, soprattutto nel nostro contesto culturale.

La sfida di Futura parte dalla convinzione che un contesto fortemente connotato dalla dimensione lavorativa possa offrire, alle persone che escono progressivamente dalle attività di riabilitazione sanitaria e alle loro famiglie, una spinta molto forte sul piano emotivo.

Per dare risposte nuove ed efficaci alle persone con esiti da trauma, Futura ha, quindi, destinato una parte dell’area produttiva per l’avvio di percorsi di riabilitazione che avranno come fulcro centrale lavorazioni specifiche diversificate e particolarmente adatte allo scopo.

I laboratori di produzione diventano punto di partenza (o di arrivo) per far ripartire e sviluppare il proprio percorso.

Uno spazio di lavoro scientifico, sociale e tecnologico

L’area di lavoro si sta riorganizzando e ottimizzando per allestire nuove postazioni di lavoro con i criteri della Lean Production, il cosiddetto modello Toyota, perno dell’efficienza industriale. Nello specifico lo spazio è caratterizzato da:

  • Ambiente lavorativo organizzato secondo criteri di lean production e ambiente protesico con spazi facilitati
  • Strumenti tecnologici per la riduzione del gap dato dalla disabilità
  • Metodologie per la costruzione di progetti individualizzati che partano da necessità, visioni e opportunità della persona e della famiglia
  • Spazi e progetti specifici per fruizioni individuali o gruppi di studio/lavoro all’interno della cooperativa o sul territorio

Dentro e fuori dal lavoro

Accanto alla dimensione lavorativa esistono molteplici bisogni a cui rispondere con servizi appositi: di socializzazione, di relazioni positive, di rielaborazione del proprio vissuto, di espressione o anche semplicemente ricreativa, artistica o di svago.

A questo scopo sono avviate nuove attività individuali e di gruppo:

  • stimolazione della memoria e del problem solving,
  • valutazione neuropsicologica e supporto psicologico,
  • laboratori artigianali, creativi ed espressivi,
  • palestra per fisioterapia-terapia occupazionale,
  • laboratorio informatico e multimediale,
  • gruppi di confronto, espressione di sé e auto-mutuo aiuto,
  • servizi educativi e assistenziali,
  • gruppo teatro, sport e musica,
  • turismo per tutti.

Muoviamo nuovi passi

Il progetto “Percorsi post-trauma” è molto focalizzato sull’idea del lavoro come motore della riabilitazione, ma prevede anche un corredo di  laboratori artistici, espressivi ed occupazionali, servizi di varia natura e facilitazioni. Tra questi prevediamo soprattutto la palestra, pensata e progettata per dare risposta a svariate esigenze: dalla riabilitazione motoria all’allenamento sportivo.

Inoltre, con spazi e attrezzature apposite, la nostra sede si sta via via predisponendo per essere, nella sua interezza, una sorta di palestra di terapia occupazionale nella quale riacquisire, passo dopo passo, quelle importanti abilità di vita quotidiana che vanno riconquistate giorno per giorno.

Il progetto della palestra è in fase di realizzazione e contiamo possa essere completato entro il  2020. Se vuoi sostenerci nella costruzione di questo progetto contattaci: sono molte le cose necessarie e i materiali di cui abbiamo bisogno, nonché i modi in cui tu puoi contribuire al suo sviluppo. Scrivici, ti inviteremo a vedere i nostri progressi.

Per saperne di più scarica la nostra brochure del percorso post-trauma

Sei interessato ai nostri percorsi post trauma?

Se vuoi saperne di più sui progetti che realizziamo a Futura chiamaci al numero
0434 875940 oppure

POR FESR 2014 2020
ATTIVITÀ 1.2a 1 – DECRETO DI CONCESSIONE N.2064/PROTUR DEL 18/06/2018
PROGETTO: GENETICAMENTE DIVERSO: PROCESSO DI INNOVAZIONE SOCIALE SOSTENIBILE
FINALITÀ: implementazione e sperimentazione di modelli di servizi e lavoro inclusivo in risposta all’emergere dei bisogni del territorio. RISULTATI: migliorare gli attuali servizi offerti; ampliare i mercati di riferimento con un’offerta resa più competitiva da una riduzione dei costi di gestione e di produzione e dall’efficentamento del servizio offerto.
SPESA AMMESSA: € 184.543,22
CONTRIBUTO CONCESSO:€ 73.817,29