Altri articoli disponibili su futuracoopsociale.it
News & eventi
Condividi Stampa

Videostorie: Fabio Del Pin racconta perchè ha scelto Futura

Articolo di Francesca Benvenuto in Cooperativa e territorio - 3 Agosto 2021

«Perchè hai scelto proprio Futura? Come sei arrivato qui?»: a chiederlo è Marco Zago della redazione di FuturaNews ai molti compagni di viaggio del centro semi-residenziale per per persone con disabilità della cooperativa sanvitese. Il primo a essere intervistato è Fabio Del Pin: «Non mi pesa fare tanta strada per venire qui, vado a casa ogni giorno ripagato e con molte soddisfazioni».

«Perchè hai scelto proprio Futura? Come sei arrivato qui?»: a chiederlo è Marco Zago, redattore di Futura News e ospite dei percorsi della cooperativa sanvitese, che ha scelto di avviare delle videointerviste sui percorsi di vita di chi oggi frequenta i laboratori del centro semi-residenziale per persone con disabilità.

L’obiettivo di queste interviste è raccogliere i punti di vista e le testimonianze di tutte le persone che frequentano Futura al di là del numero di utenti, di persone coinvolte e di ore di attività socio-educativa erogate: «I numeri ci danno la quantità, ma è difficile rendere l’idea del valore che si realizza – spiega Francesca Benvenuto, responsabile della comunicazione di Futura – l’idea di Marco Zago di fare delle video interviste e raccontare come si sentono le persone che frequentano la nostra cooperativa è un modo veramente vincente per trasmettere quello che siamo».

I numeri ci danno la quantità, ma è difficile rendere l’idea del valore che si realizza. L’idea di Marco Zago di fare delle video interviste è un modo veramente vincente per trasmettere quello che siamo.
– Francesca Benvenuto, responsabile della comunicazione

Il primo intervistato è Fabio Del Pin che ha scelto Futura pur abitando nella Bassa Friulana, fuori dall’ambito locale. «Sentivo il bisogno di avere una settimana strutturata e di avere delle attività – spiega – un giorno sono venuto qua e ho parlato con Michele Ervoni, il responsabile dei servizi alla persona. Mi ha illustrato la cooperativa. Dopo di che ho valutato con l’assistente sociale e alla fine sono riuscito a entrare in questa cooperativa dove io mi trovo molto bene. Ho un senso di appartenenza molto elevato e sono molto legato alla cooperativa. Nel mio paese e nella nostra zona, non ci sono realtà come Futura».

Per un buon posto di lavoro fai anche tanta strada, quindi non mi pesano stanchezza e vado a casa ogni giorno ripagato e con molte soddisfazioni. Ogni giorno ho più stimoli per poter dare il mio contributo, il mio miglior contributo possibile alla cooperativa.
– Fabio Del Pin intervistato da Marco Zago

La distanza non è un problema così insormontabile: «Per un buon posto di lavoro – spiega – fai anche tanta strada, quindi non mi pesano stanchezza e vado a casa ogni giorno ripagato e con molte soddisfazioni. Ogni giorno ho più stimoli per poter dare il mio contributo, il mio miglior contributo possibile alla cooperativa».

Proprio per questo Fabio ha scelto anche di diventare socio di Futura per partecipare attivamente alle scelte della cooperativa: «Un giorno ho sentito parlare di questa possibilità e siccome mi piace ho deciso io di mia spontanea volontà di farmi socio per poter partecipare alle riunioni e alle varie scelte che determinano questioni molto importanti della cooperativa».

Marco Zago fa fatica a scrivere a causa della sua disabilità, ma è riuscito a trasformare un limite in una virtù: ha colto l’occasione e iniziato a utilizzare i video, un mezzo ancora più potente per raccontare le nostre storie.
– Francesca Benvenuto, responsabile della comunicazione

Si tratta di un’iniziativa che ha ancora più valore perchè parte da una persona coinvolta direttamente: «Marco Zago è redattore di Futura News, fa fatica a scrivere a causa della sua disabilità, e questo è un problema, ma è riuscito a trasformare un limite in una virtù: – conclude Benvenuto –  ha colto l’occasione e iniziato a utilizzare i video, un mezzo ancora più potente per raccontare le nostre storie».


Ci doni il tuo 5×1000?
Acquisteremo 8 banchi di lavoro ergonomici e attrezzati per la Futura Factory, il polo di lavoro inclusivo per persone con disabilità e svantaggio. Permetteranno di lavorare anche a persone che in carrozzina o con difficoltà di movimento. Nella dichiarazione dei redditi ricordati di compilare il riquadro: “Sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale…”, lo spazio riservato al sostegno delle Onlus. Basta mettere una firma e il codice fiscale di FUTURA 01154180937.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividi

“Sulle mie gambe” è il nuovo ..

Scopri di più

Turismo sociale: si riparte dalle montagne di ..

Scopri di più

Gli pterosauri di Preone: i nuovi libri di ..

Scopri di più

Giovy@Work: «Un disabile può essere libero?»

Scopri di più
Seguici sui social
POR FESR 2014 2020
ATTIVITÀ 1.2a 1 – DECRETO DI CONCESSIONE N.2064/PROTUR DEL 18/06/2018
PROGETTO: GENETICAMENTE DIVERSO: PROCESSO DI INNOVAZIONE SOCIALE SOSTENIBILE
FINALITÀ: implementazione e sperimentazione di modelli di servizi e lavoro inclusivo in risposta all’emergere dei bisogni del territorio. RISULTATI: migliorare gli attuali servizi offerti; ampliare i mercati di riferimento con un’offerta resa più competitiva da una riduzione dei costi di gestione e di produzione e dall’efficentamento del servizio offerto.
SPESA AMMESSA: € 184.543,22
CONTRIBUTO CONCESSO:€ 73.817,29