News & eventi Condividi

Riapre la sala formazione: «C’è bisogno di relazione».

Articolo di Francesca Benvenuto in Cooperativa e territorio - 25 Agosto 2020

Riapre le porte la sala formazione e meeting di Futura: «Anche se ci sono alternative, c’è bisogno di relazione». È un punto di incontro con le aziende, la comunità e il territorio.  

C’è bisogno di normalità e, soprattutto, di relazioni. Non solo quando si parla di servizi socio-educativi e percorsi di autonomia, ma in tutti gli ambiti della vita. Non è un caso, infatti, che, nonostante ormai il distanziamento sociale e certe attenzioni siano diventati abitudini consolidate, il desiderio di riprendere il filo interrotto delle relazioni accelerato la ripresa di attività anche in presenza di valide alternative.

Così è stato anche per Futura che già lo scorso mese ha riaperto le porte della sala Formazione e Meeting: «Lo scorso autunno – spiega Ilaria Miniutti, responsabile commerciale della cooperativa sociale – abbiamo allestito uno spazio della nostra nuova sede, la Factory, per renderla disponibile per la zona industriale Ponte Rosso e per la comunità. È un’idea che abbiamo sempre avuto e che adesso possiamo realizzare grazie all’acquisto dei nuovi spazi». Il desiderio era quello di creare delle occasioni affinché il territorio possa entrare in contatto e mescolarsi con la cooperativa e tutto il suo bagaglio di esperienze e diversità. «Chi ha la possibilità di venire a trovarci o di vivere un’esperienza insieme a noi – prosegue Miniutti – resta sbalordito da come l’inclusione sia molto più facile e gioiosa di quel che sembra. Gli ambienti in cui sono inserite persone con disabilità e svantaggio, se gestiti in modo adeguato e senza elementi di pietismo, creano benessere e accoglienza».

Chi viene a trovarci resta sbalordito da come l’inclusione, se gestita adeguatamente, sia molto più facile e gioiosa di quel che sembra. 
– Ilaria Miniutti, responsabile commerciale

La Sala Formazione ed Eventi è uno spazio attrezzato per corsi e meeting dotato di impianto per amplificazione e proiezioni a muro, e grazie alla versatilità dell’attrezzatura e delle sedute presenti in sala, è possibile allestire lo spazio sulla base delle esigenze del fruitore per rendere l’area ancor più accogliente e adatta ai diversi usi. È disponibile anche un servizio di catering per breakfast, pranzi e snack. Ha una capienza massima di 40 persone e una flessibilità orario che varia dal mattino alle 6 alla sera inoltrata permettendo, così, autonomia e programmazione libera.

I primi a riprendere le attività all’interno della sala sono stati S.Lancia, società cooperativa di servizi professionali che all’interno degli spazi organizza corsi di sicurezza, antincendio e primo soccorso a cui hanno preso parte persone da tutto il Friuli e Veneto, e la rete BNI, organizzazione internazionale di scambio referenze il cui gruppo territoriale si incontra settimanalmente a Futura. «In primavera – spiega ancora Miniutti – abbiamo ospitato per due mesi una produzione cinematografica impegnata nella programmazione di una prossima realizzazione in Friuli. Ci troviamo, infatti, in un punto strategico all’interno della zona industriale Ponte Rosso, facilmente raggiungibile dai comuni limitrofi, dalle aziende del territorio e lungo direttrici stradali che facilitano i collegamenti. Può essere uno spazio utile non solo per meeting, ma anche per presentazioni, per il lancio di nuovi prodotti o campagne, e perché no, anche per sensibilizzare il proprio team al valore sociale che tutti insieme possiamo creare.»

 

Ti è piaciuto l’articolo? Condividi

Il laboratorio dove i bisogni delle persone ..

Scopri di più

#illavorodieducare
Boraso: «Mediatori di mondi»

Scopri di più

È on-line il nuovo sito dei Regali 100% Solidali

Scopri di più

Da scarto a design, passando per le persone

Scopri di più
Seguici sui social
POR FESR 2014 2020
ATTIVITÀ 1.2a 1 – DECRETO DI CONCESSIONE N.2064/PROTUR DEL 18/06/2018
PROGETTO: GENETICAMENTE DIVERSO: PROCESSO DI INNOVAZIONE SOCIALE SOSTENIBILE
FINALITÀ: implementazione e sperimentazione di modelli di servizi e lavoro inclusivo in risposta all’emergere dei bisogni del territorio. RISULTATI: migliorare gli attuali servizi offerti; ampliare i mercati di riferimento con un’offerta resa più competitiva da una riduzione dei costi di gestione e di produzione e dall’efficentamento del servizio offerto.
SPESA AMMESSA: € 184.543,22
CONTRIBUTO CONCESSO:€ 73.817,29