News & eventi Condividi

Una nuova sede per Futura: “non avevamo spazio per lavorare”

Articolo di Francesca Benvenuto in Cooperativa e territorio - 30 Giugno 2019

“Non avevamo più spazio per lavorare”: è questo il motivo che ha spinto la cooperativa sociale sanvitese Futura ad acquisire un nuovo capannone sempre all’interno della zona industriale Ponte Rosso. Non un trasloco, quindi, ma un ampliamento: “Il capannone – spiega Gianluca Pavan – si trova in via Gemona, nell’area est della ZIPR ed è composto sia da una vasta area produttiva sia da buoni ambienti per uffici, nonché da una sala corsi e formazione che intendiamo mettere a disposizione della zona industriale e di nostri collaboratori. Nella sede di via Gemona si insedieranno le lavorazioni più avanzate di assemblaggi e grafica, dove saranno inserite persone svantaggiate che hanno fatto un percorso di crescita e autonomia, sede di via Pescopagano potremo sviluppare nuovi servizi e training lavorativi differenziati, oltre che la show room, il nostro e-acommerce geneticamente diverso e ulteriori lavorazioni meccaniche e di oggettistica, per rispondere ai nuovi bisogni”.

Lo stabilimento ospitava in precedenza un’azienda di analisi chimiche e andrà a ospitare due aree di lavoro e inserimento di persone con disabilità di Futura: il reparto di assemblaggi meccanici ed elettromeccanici che attualmente lavora per aziende come Savio, Martoni, Pieces of Venice, Viterie, Startec e Matermacc e lo studio di progettazione grafica con il laboratorio di stampa e confezionamenti cartotecnici che ha come clienti Kronospan, Lilly Codroipo, AIDO, ARLeF, 2R Impianti, Molino Moras, Costruzioni Rusalen, Acli, Cantina di Ramuscello, ASP Moro di Codroipo, e lo stesso Consorzio di sviluppo economico Ponte Rosso – Tagliamento che ha affidato a Futura il recente rifacimento del logo dopo la fusione con Spilimbergo. “Anche dal punto di vista energetico e del benessere lavorativo – continua Pavan – cerchiamo l’efficienza: miglioreremo la struttura installando il fotovoltaico e e mediante una compartimentazione interna che consente alle persone più deboli di lavorare in ambienti confortevoli”.

Per maggiori info:
Francesca Benvenuto / 3391244709
francescabenvenuto@futuracoopsociale.it

Ti è piaciuto l’articolo? Condividi

Dallo smartworking alla mancanza di contatto: ..

Scopri di più

Un nuovo servizio per il territorio: ..

Scopri di più

Futura: “Attivi tutti ai disabili”

Scopri di più

Io, disabile, lavoro in smartworking: grazie ..

Scopri di più
Seguici sui social
POR FESR 2014 2020
ATTIVITÀ 1.2a 1 – DECRETO DI CONCESSIONE N.2064/PROTUR DEL 18/06/2018
PROGETTO: GENETICAMENTE DIVERSO: PROCESSO DI INNOVAZIONE SOCIALE SOSTENIBILE
FINALITÀ: implementazione e sperimentazione di modelli di servizi e lavoro inclusivo in risposta all’emergere dei bisogni del territorio. RISULTATI: migliorare gli attuali servizi offerti; ampliare i mercati di riferimento con un’offerta resa più competitiva da una riduzione dei costi di gestione e di produzione e dall’efficentamento del servizio offerto.
SPESA AMMESSA: € 184.543,22
CONTRIBUTO CONCESSO:€ 73.817,29